mercoledì 3 febbraio 2010

io viaggio


ho visto l'oceano per la prima volta
• ho rivisto le stelle
• ho imparato
• il viaggiatore sta in silenzio. e screma pensieri

Portogallo

il mare come fosse la prima volta
il sole che si specchia e ti acceca
anche il tuo sorriso
ma è come un marchio nella retina
un tatuaggio che non voglio togliermi di dosso
il simbolo della capacità di essere felici
Viareggio

al MusikHug puoi ascoltare 
la musica direttamente dai cd in vendita. 
ti piazzi davanti alla finestra 
con le cuffie, batti il tempo con i diti, 
guardi la gente passare.
poi cambi, ne prendi un altro. 
play ff rew.
la vita sembra improvvisamente leggera, 
bella, allegra.

e mentre camminiamo su per una salita
mi fermo, guardo i miei compagni di viaggio camminare oltre, sorrido. sono felice.
Zurigo





la città è mia.
figurarsi una vita vera qui, nel sole, nelle strade da correre in bicicletta, tornare dal lavoro alla tua casa con le finestre grandi, e guardare una città bellissima, piena di colori, di forme di sogno, di misteriosissimi sguardi. a mio agio, comunque. vestita così, come viene. in questa città che pulsa arte.

scriverò di lei perché non voglio dimenticarne nemmeno una briciola.
Amsterdam

la città del putto onanista
della birra buona e delle cozzeconpatatefritte
dei ristorantini luminosi e caldi
e chissà quante altre meraviglie

diciamo che l'ho messa nella to-really-visit-cities-list
per intanto, mi guardo le foto fatte
e me la sogno per un paio di notti ancora

poi si torna alla normalità
Bruxelles

Se voglio, posso rincorrerti tra le viuzze di Venezia, e sorprenderti passando dalle scorciatoie che solo io conosco, ma mi sfuggi, allora ti corro ancora appresso, tanti veli e pizzi e perline da strappare via mentre ti rincorro lascivo, le vesti frusciano, i tacchi ciottolano sul selciato, pioviggina.
Venezia

0 commenti:

 
 
Copyright © Stelle filanti
Blogger Theme by BloggerThemes Design by Diovo.com