lunedì 16 luglio 2007

Omosessualità: se chiudo gli occhi, smette di esistere?

Sono stata al Christopher Day di Milano, qualche settimana fa.

Ho scattato foto, ho ballato, ho riso e gioito. E in regalo ho ricevuto sorrisi, abbracci, baci ed emozioni!


E mai avrei pensato che tutte le persone che mi circondavano fossero malate, sbagliate, avessero qualcosa che non andava.

Poi leggo una lettera al quotidiano Libertà che mi fa venire i brividi lungo la schiena. Mi dico: "Non può essere serio, sta scherzando, è una burla".

Poco dopo, navigando sul web, leggo nel blog di t
ascabile che la mostra dedicata all'arte e l'omosessualità che si sarebbe tenuta a Milano è stata annullata, cancellata, stop.

Va bene, mi dico. Allora è così: al giorno d'oggi, se ho un problema, un conflitto, qualcosa che non so tollerare, chiudo gli occhi, e questa sparirà.

Del resto, le "cancellazioni" sono dei procedimenti del cervello per poter affrontare alcuni elementi della realtà che non potremmo capire, accettare, tollerare.
Ma si tratta per lo più di processi mentali che fanno sì che il cervello non abbia troppe informazioni da analizzare.


La chiusura mentale è ben altro.

Forse l'ignoranza, forse le esperienze negative, forse
i genitori o i parroci che hanno messo in testa convinzioni completamente sbagliate, hanno influenzato troppo il modo di pensare dei più.

E che fare?

Nel caso della lettera al giornale di questo pazzo benpensante, riderci su è la cosa migliore.

Nel caso di una mostra annullata da una sindachessa bigotta, forse, un pensierino va fatto.

4 commenti:

tascabile ha detto...

stesso argomento del mio post. certo che se c'è gente che la pensa come il lettore di libertà, allora ci sarà sempre spazio per i sindaci che censurano mostre... insomma, un paese ha il governo che si merita.

kika ha detto...

uff, che triste destino!
;-)

ciao, tascabile! grazie per avermi ispirato questo post!

il post di tascabile : http://www.cinicotv.splinder.com/tag/punti_di_vista

Anonimo ha detto...

ciao kika, parole e pensieri che condivido a pieno.

ci stanno chiudendo gli occhi, ottundendo la capacità di pensare.

grave. da farci un pensierino su, come appunto suggerisci.

bacio

a.

davmo ha detto...

...due anni fa per caso sono stato al gay pride di torino, con una mia amica...STUPENDO, ci siamo divertiti come non mai!
L'anno scoso purtroppo abbiamo bucato l'appuntamento a Roma...ma quest'anno andrò sicuro a Bologna!
Sono etero, tra l'altro sposato, e do un voto 10 e lode a pensieri e parole di queso post!!!

 
 
Copyright © Stelle filanti
Blogger Theme by BloggerThemes Design by Diovo.com