lunedì 30 aprile 2007

Il senso delle emozioni - Shantaram

Kavita si alzò per abbracciarmi. Era il genere di abbraccio tenero e forte che una donna concede quando sa di potersi fidare di un uomo, o quando è sicura che il cuore dell'uomo appartiene a un'altra. [...] essere abbracciato da una donna indiana era un'esperienza unica e importante. Vivevo a Bombay da anni, [...] eppure poche cose nei tanti universi indiani che coesistevano in Bombay potevano farmi sentire benvoluto come l'abbraccio affettuoso di Kavita. Non le avevo mai detto che cosa significava per me la sua accettazione affettuosa e incondizionata. In quegli anni di esilio molte - troppe - emozioni positive che provavo rimanevano chiuse nella cella del mio cuore: una cella con alte pareti di paura, una piccola finestra sbarrata di speranza, un duro letto di vergogna. Adesso non è più così. Ho imparato che bisogna sapere cogliere ed esprimere a parole i momenti di affetto e sincerità, perché potrebbero non tornare mai più. Se rimangono inespressi, accantonati e inutilizzati avvizziscono, e quando, dopo troppo tempo, la mano del ricordo vorrebbe coglierli, si sgretolano fra le sue dita.
Shantaram - Gregory David Roberts

Come sempre, Gregory mi rub
a i pensieri mentre leggo, e li stende con meravigliose parole sulle pagine del suo capolavoro, Shantaram.

Ci sono libri che ci f
anno chiedere com'ero prima di leggerti?, e come sarei stata se non ti avessi mai letto?.
Ci sono libri che l
asciano un segno nel nostro cuore, che ci fanno innamorare, che si fanno rileggere.
Ci sono libri che v
ale la pena di leggere, perché non leggerli vorrebbe dire perdere un pezzettino di mondo.

1 commenti:

Anonimo ha detto...

Nice brief and this enter helped me alot in my college assignement. Say thank you you seeking your information.

 
 
Copyright © Stelle filanti
Blogger Theme by BloggerThemes Design by Diovo.com