venerdì 7 settembre 2007

Chiedi alla polvere - John Fante

Esplorai i recessi più remoti della mia mente, come un polipo che allunga i tentacoli, per cercare le ragioni del mio disagio, senza trovarle. Ma a un tratto esse mi si rivelarono con la forza dirompente di un'esplosione, con l'ineluttabilità di una catastrofe.
[...]
Non eravamo vivi, noi, ci limitavamo a sfiorare la vita senza mai afferrarla.

Di tutti i libri che ho letto, pochi sono quelli su cui sono tornata volentieri: sfogliare, sottolineare, o rileggere per intero, è un po' come spostare altrove la propria percezione temporale. Subito risalgono i ricordi di quel periodo: il tram che prendevo per andare a scuola, la primavera e i suoi profumi, la persona che tanto aveva insistito perché leggessi quel libro, perché era "proprio adatto a me".

Le pagine sottolineate rispecchiano lo stato d'animo di quei momenti, e rileggerle è un po' come tornare indietro, forse capendosi meglio.

Chiedi alla polvere è un libro che ho amato soprattutto per la natura dissennata del protagonista: non un uomo maturo, equilibrato e sano, bensì paranoico, impulsivo e timido. Che fa tanti sbagli e non giunge mai alla catarsi, alla ragione, alla verità. Un essere umano?

Del resto, nei libri vive il fascino di potersi identificare e riconoscere nei protagonisti. Chi non si è mai sentito saggio come Siddharta o innamorato della vita come il Piccolo Principe?
Questo libro si avvicina al nostro "essere umani", perché Arturo, giovane scrittore squattrinato, vive nelle sue paure, nei suoi pentimenti e rimorsi, che lo accompagnano, ora perdendo valore, ora riempiendo l'animo di angosce.
E per questo ha suscitato la mia simpatia.
:-)

Il deserto era lì, come un bianco animale paziente, in attesa che gli uomini morissero e le civiltà vacillassero come fiammelle, prima di spegnersi del tutto. Intuii allora il coraggio dell'umanità, e fui contento di farne parte.

Io lo consiglio vivamente!
;-)

Recensione

2 commenti:

tascabile ha detto...

lo terrò a mente per la prossima estate... che si sa io d'inverno leggo solo testi scolastici...

Silvren ha detto...

Ho letto le citazioni... oggi lo vado a prendere. :)

 
 
Copyright © Stelle filanti
Blogger Theme by BloggerThemes Design by Diovo.com